dissuasori velocita speed-check

Dissuasori di velocità a cabina speed-check

02/01/2018 Iniziative

Il sistema si basa sull’installazione a margine della strada una serie di colonnine (denominate “dissuasori di velocità a cabina SPEED-CHECK o, nella nuova versione, VeloOK”) colorate ed estremamente visibili agli automobilisti, recanti l’indicazione del limite di velocità e della presenza del controllo elettronico della velocità.

Le colonnine possono fungere da semplice dissuasore oppure, alloggiando al proprio interno in modalità “random” le apparecchiature di rilevazione della velocità, possono fungere da vero e proprio “autovelox”.

Tuttavia, a prescindere della messa in funzione o meno dell’apparecchiatura di controllo, Il ripetersi in serie di tali colonnine rende costante l’effetto dissuasivo lungo tutto il tratto di strada coperto, durante tutte le 24 ore (in quanto le cabine di notte sono illuminabili e fosforescenti).
Si sottolinea come l’effetto dissuasivo sia completamente indipendente dalla presenza o meno del rilevatore all’interno della cabina e come il sistema possa dunque garantire la massima sicurezza sulla strada anche nel caso in cui l’Amministrazione voglia limitare fortemente l’attività sanzionatoria.

La stessa tuttavia è saltuariamente necessaria al fine di mantenere “credibile” il sistema agli occhi degli utenti della strada ed inalterata nel tempo la sua efficacia.


L’installazione dei dissuasori trova la massima espressione ed efficacia se abbinata con l’adesione e la realizzazione del progetto di sicurezza stradale “Noi Sicuri”.
https://www.grupposercom.it/wp-content/uploads/2018/02/logo-noi-sicuri-sercom.jpg

Il sistema si basa sull’installazione a margine della strada una serie di colonnine (denominate “dissuasori di velocità a cabina SPEED-CHECK o, nella nuova versione, VeloOK”) colorate ed estremamente visibili agli automobilisti, recanti l’indicazione del limite di velocità e della presenza del controllo elettronico della velocità.

Le colonnine possono fungere da semplice dissuasore oppure, alloggiando al proprio interno in modalità “random” le apparecchiature di rilevazione della velocità, possono fungere da vero e proprio “autovelox”.

Tuttavia, a prescindere della messa in funzione o meno dell’apparecchiatura di controllo, Il ripetersi in serie di tali colonnine rende costante l’effetto dissuasivo lungo tutto il tratto di strada coperto, durante tutte le 24 ore (in quanto le cabine di notte sono illuminabili e fosforescenti).
Si sottolinea come l’effetto dissuasivo sia completamente indipendente dalla presenza o meno del rilevatore all’interno della cabina e come il sistema possa dunque garantire la massima sicurezza sulla strada anche nel caso in cui l’Amministrazione voglia limitare fortemente l’attività sanzionatoria.

La stessa tuttavia è saltuariamente necessaria al fine di mantenere “credibile” il sistema agli occhi degli utenti della strada ed inalterata nel tempo la sua efficacia.


LA LOGICA DEL CONTROLLO SPEED-CHECK

https://www.grupposercom.it/wp-content/uploads/2018/02/speed-check-1.jpg
https://www.grupposercom.it/wp-content/uploads/2018/02/speed-check-2.jpg

RISULTATI:
  • La media delle velocità e delle infrazioni cala drasticamente e con esse le sanzioni.
  • I controlli sono molto meno impopolari e servono solo a mantenere inalterata nel tempo la credibilità e l’efficacia del sistema.
  • Gli utenti multati non si possono più sentire “vittime” di agguati.
  • Le forze di polizia sono di nuovo motivate verso un’attività socialmente indispensabile e per nulla vessatoria.
  • Le Amministrazioni fanno sicurezza ed ottengono positivi consensi.